[PDF/EBOOK] Avraham Bogatir hét napja by G. György Kardos


Read Avraham Bogatir hét napja

Avraham Bogatir hét napja

Tragédiáját ahogyan az üldözöttekből lett győztesek most egykori sorstársaikat az arab fellahokat üldözik el földjeikről tehát mindazoknak a folyamatoknak az egyes ember életét sorsát és halálát meghatározó vetületét amelyek elkerülhetetlenül vezettek el a nagypolitikában az 1956 óta ismétlődő közel keleti háborúk láncolatához s napjaink vészterhes feszültségeihezA trilógiának ez a fölemelő üzenete az embernek megvan a lehetősége hogy kisodródjék abból a folyamatból amely a többieket embertelenségbe fullasztja. Avraham Bogatir h t napja Hov t ntek a katon k A harmadikra most nincs energi m Vagy t relmemItt nem lehet f l csillagot adni

Free read ↠ PDF, eBook or Kindle ePUB free ï G. György Kardos

Zsidókat és arabokat egyaránt sújtó színjátékaitHová tűntek a katonák a második világháborúban az angolok oldalán harcolt lengyel Anders légió roncsainak – szinte szó szerint értendő – agóniáját mutatja meg egy palesztinai tüdőszanatórium mindennapi életében egy arab kisfiú elfogulatlan gyermekien tiszta tekintetén tükröztetve a test és a történelem sebeivel s a szétfoszló nemzeti illuziókkal birkózó emberroncsok tragédiájátA történet vége a zsidó állam kivívásának a pillanatában mutatja meg a győzelem. Zdravo druzeDolente e malinconico ma anche pervaso da una gradevole vena ironica stata una cosa da nulla una pura formalit inutile come il pisello del Papa e un forte senso di ineluttabilit propri degli ebrei orientali I sette giorni di Avraham Bogatir del tutto simile al suo protagonista disincantato e a tratti stupefatto e stupefacente disorientato e rassegnatoMa umanamente retto e con la schiena dritta nonostante sempre pi incurvato trascini i propri passi negli scarponi deformi nonostante il suo malu che aumenta via via al sommarsi delle disavventure e degli avvenimenti in terra di Israele prima ancora che lo stato diventi tale un ebreo russo tutto d un pezzo Avraham Bogatir uno che arrivato dall est Europa in uella che diventer la yiddishe medine prima ancora che gli inglesi rimettano in mandato nelle mani dell ONU e prima ancora che i fatti del 1948 insanguinino tutta la Palestina si comporta seguendo la sua coscienza morale anzich la sua razza le parole della Bibbia anzich uelle di di Theodor Herzl e uelle di Ben Gurion i sapientoni parlano come se vivessimo ai tempi di re David No Bogatir Ben Gurion non re David la sua fede anzich le leggi che gli uni e gli altri vorrebbero imporre alla sua umanit I fatti uelli politici reali e uelli della vicenda romanzata raccontata dall ungherese Gy rgy Kardos si svolgono nel 1947 a Beer Tuvia dove ancora sotto il controllo dei militari inglesi ebrei e arabi convivono pi o meno pacificamente anche se la politica del Divido et imperio di Ben Gurion che diverr nel 1948 il primo Primo Ministro dello stato di Israele che ha gi iniziato a seminare odio e diffidenza inizia a insinuarsi in maniera subdola repressiva e sanguinaria anche tra Bogatir e la sua genteMa un uomo tutto d un pezzo Avraham uno che non esita a nascondere nella sua campagna spacciandolo come un bracciante inviatogli dalla citt di Gerusalemme un giovane terrorista dell Irgun solo perch lo vede giovane e spaesato solo perch la Bibbia gli ordina di amare il suo nemico solo perch lui amico degli inglesi uando sono bravi amico degli arabi uando sono gli stessi arabi inoffensivi con cui in commercio da uando a Beer Tuvia ed amico anche degli ebrei uando non sono falsi e traffichini pieno d indignazione per e se la prende col mondo che gli impedisce di concentrarsi sulle proprie sventure cambiando continuamente direzione al suo malu con uello stesso mondo in cui tutto sembra attentare alla sua tranuillit a partire dalla moglie che lo sfinisce borbottando e lamentandosi senza sosta ma anche dalla giovane figlia che lo assiste nei campi e nella vendita ma pi vivace di una cavalletta o dal figlio fuori di testa che impazzito dopo la morte del fratello sono costretti spesso a chiudere in casa per evitare che diventi pericoloso per s e per gli altri e al suo unico desiderio che sarebbe uello di poter coltivare in pace la sua terra con gli inglesi uando non danno fastidio e che se ne andassero il pi velocemente possibile a casa loro e con gli arabi e gli ebrei di tutto il mondo che leggendo uesto romanzo pi che mai si capisce uanto poco voglia dire ebreo da solo se non gli si affianca vicino l aggettivo sefardita o sionista o ashkenazita o europeo in fuga dall Europa post nazista o anche uello di poter ascoltare e parlare di poesia con gli occhi languidi e magari sospirando pi che sbuffando con la bella e affascinante moglie russa del suo primo padrone di uando ancora lavorava egli stesso come bracciante Leggere uesto romanzo lungo e intenso scritto fitto fitto in contemporanea alla lettura del saggio di Ilan Papp La pulizia etnica della Palestina ha avuto il pregio di permettermi di visualizzare rapidamente i complessi scenari politici e sociali che fanno da prologo e da antefatto ai fatti descritti da Papp e comprendere uanta insensatezza e uanto opportunismo e disinteresse ci siano stati da parte dell Europa e degli Stati Uniti ma anche da parte degli stati arabi confinantiNon entro nel merito della situazione politica del conflitto vero e proprio fra Israele e Palestina eviter di farlo anche uando riuscir a scrivere ualche parola sul saggio ma anche da uest opera romanzata di Kardos che ha il pregio grande di non schierarsi in nessun modo ma anzi di rivendicare l insensatezza di tante delle operazioni politiche militari e non intraprese da ogni parte si evince la complessit della situazione difficilmente riconducibile a un solo popolo colpevole e responsabile di uanto avviene ormai da sessant anni da uelle parti Se solo ci fossero stati pi Bogatir gi allora se solo la Tor fosse stata compresa un po meglio e ascoltata un po di pi se solo ciascuno si fosse sentito responsabile anche per chi aveva al proprio fianco indipendentemente dalla razza o dalla religione I sette giorni di Avraham Bogatir che narra appunto dei sette giorni durante i uali il protagonista si trova a nascondere il ragazzo apprendo dalla pagina di Wikipedia ungherese sull autore parte di una trilogia i cui due successivi titoli per non sono stati tradotti da noi Peccato Avraham Bogatir h t napja reg ny 1968Hov t ntek a katon k reg ny 1971 eredeti c m n Sasok a porbanA t rt net v ge reg ny 1977Avraham Bogatir s Seven Days romanzo 1968Dove sono andati i soldati romanzo 1971 titolo originale Sasok nella polvereThe End of the Story romanzo 1977traduzione Google Traslate Eppure non riesco a capire perch hai aiutato il ragazzo Tu ci odi fattore Anzi non ce l hai neanche nascosto e uesto torna in tuo onoreMa allora perch dimmi perch Avraham che gi sulla porta si gira e la sensazione di avere gi un piede all esterno gli d coraggio C era da noi a Charkov un rabbino miracoloso di gran fama Shajele Fish A uesto Shajele si poteva chiedere consiglio su tutto ci che preoccupava la gente e rispondeva persino a noi bambini come se fossimo adulti a massimo aggiungeva ogni volta Hajmele bist dummes Kind Hajmele sei uno stupido bambino Andavamo gi a scuola uando una volta chiedemmo a Shajele ual la differenza tra il Nuovo Testamento dei goyim e l Antico Testamento degli ebrei Shajele ci rispose in modo assai conciso Hajmele bist dummes Kind Il profeta dei goyim ha detto Ama il tuo nemico Nella nostra Tor invece scritto Se il tuo nemico ha fame dagli da mangiare se ha sete dagli da bere Salute compagno

G. György Kardos ï 5 Summary

Avraham ​Bogatir hét napja A regénybeli történet hét napjának keretében arabok zsidók és angolok törvényszerű reakcióinak a politikai okokból elkövetett terrorakciók és ellenakciók végtelen láncolatának a középpontjában annak a parasztembernek a felejthetetlen figuráját teremtette meg az író aki a növények szívósságával viseli tűri el – méghozzá humánumát és etikai érzékét megőrizve – a történelem kegyetlen nemegyszer felfoghatatlan és abszurd jeleneteket váltogató forgószínpadának az egyszerű embereket. L UOMO CHE AVREBBE VOLENTIERI SCAMBIATO SUA MOGLIE PER UN CAPPELLO O ANCHE MENOLa storia di un ebreo della Grande Russia da CharkivChar kov in Ucraina che emigrato in Palestina la terra dei Filistei all inizio del secolo scorso 1912 diventa agricoltore prima bracciante poi si mette in proprio coltivatore diretto Un colono che nell estate del 1947 oltre farsi aiutare dalla figlia pu permettersi di assumere un lavoranteUn lavorante che in realt lui protegge e nasconde in uanto giovanissimo membro dell Irgun fuggitivo e ricercato Nonostante il protagonista abbia idee completamente diverse aperto e tollerante e accogliente verso tutti gli ebrei e gli arabi e gli armeni e lo ancora di pi per un ragazzo che rischia una condanna e forse anche una sentenza di morteDue popoli arabi ed ebrei che si contendono da millenni uel fazzoletto di terra La spirale repressione terrorismo cresce durante il mandato occupazione britannico e raggiunge il suo apice nei mesi prima della partenza delle truppe inglesi e della seguente nascita dello Stato d IsraeleIl romanzo ambientato nella rovente estate del 1947 per un periodo che come dice il titolo dura una settimana da marted a marted Un conflitto che al principio contrappone i sionisti di sinistra tra cui il protagonista Avraham Bogatir ai sionisti di destra i nazionalisti e al loro braccio armato dell Irgun Ebrei che sono sefarditi e ashkenaziti chi proviene dai lager nazisti chi dal medioevale Yemen chi dai ghetti e i villaggi dell Europa orientale rivoluzionari e rabbini a braccetto o l un contro l altro armatiIronia della sorte Bogatir allo scoppiare della Grande Guerra si arruola nell esercito turco e dice che era proprio buffo come i soldati turchi facevano il presentatarm Poi siccome di turco sapeva solo due parole pane e acua e siccome in Oriente i turchi combattevano insieme ai tedeschi contro gli inglesi Bogatir pass nell esercito tedesco e nel 1916 si trov sul fronte russo lui che proprio ebreo russo ma prima di sparare una sola cartuccia si ritrova prigioniero e torna in Palestina solo nel 1920Di Gy rgy Kardos 1925 1997 nato e morto a Budapest mi pare esista solo uest opera tradotta in italiano e anche uesta ormai da tempo fuori catalogo Difficile trovare notizie biografiche se non nella sua madre lingua l ungherese anche il libro edito da eo avaro sull argomentoEpper Kardos che pass diversi anni in Palestina prima e dopo la nascita dello Stato d Israele e uindi conosceva bene e da vicino la materia che ha raccontato in ueste pagine pubblicate nel 1968 Kardos stato anche sceneggiatore una carriera lunga una ventina d anni con diversi titoli all attivo tra cui anche la miniserie RAI in uattro puntate Il treno per Istanbul del 1981 diretta da Gianfranco Mingozzi adattata dal romanzo di Graham Greene proprio da Kardos insieme al regista e a Giacomo Battiato bello seguire Avraham Bogatir nelle ventiuattro ore di ogni singolo giorno di uesti sette giorni che il titolo ci ricorda i pasti gli esigui lavaggi il lavoro nei campi con dettagli tecnici le diverse coltivazioni il cavallo Balkan che ha ualcosa di umano e il calesse che gli viene attaccato il tempo passato col ragazzo fuggitivo la gita a Gerusalemme i brividi per altre donne la moglie che lo manda ai matti con le sue lamentele il figlio matto davvero un altro figlio defunto la figlia gagliardissima l arresto a opera degli inglesi il coprifuoco e gli innumerevoli varchi di controllo da superare gli incontri i silenzi e le chiacchiere con gli altri coloni con gli arabi cos diversi dagli ebrei ma non per uesto impossibile conviverci tutt altro il terrorismo dei nazionalisti sionisti eccetera eccetera ci sono tante cose belle in ueste ricche pagine infarcite di dialoghi a volte buffi a volte profondi a volte sospesi e descrizioni lunghe e brevi sempre interessanti e avvincentiLe foto che ho inserito sono parte di un progetto realizzato dal fotografo Tamas Revesz ungherese come Kardos che nel 1995 and in Israele insieme al romanziere alla ricerca dei passi e delle esperienze che generarono uesto romanzo Purtroppo Kardos mor prima di vedere completata l opera E cos Revesz ha pensato di omaggiarlo intervenendo sulle sue foto manipolandole al computer e stampandole su carta fatta a mano in modo che non fossero n vere foto n uadri n acuerelli ma solo impressioni di un viaggio con un amico caro

  • 761
  • Avraham Bogatir hét napja
  • G. György Kardos
  • Hungarian
  • 15 March 2019
  • 9789632707594

4 thoughts on “Avraham Bogatir hét napja

  1. says:

    L’UOMO CHE AVREBBE VOLENTIERI SCAMBIATO SUA MOGLIE PER UN CAPPELLO O ANCHE MENOLa storia di un ebreo della Grande Russia

  2. says:

    Zdravo druzeDolente e malinconico ma anche pervaso da una gradevole vena ironica È stata una cosa da nulla una pura formalità inutil

  3. says:

    Avraham Bogatir hét napja Hová tűntek a katonák? A harmadikra most nincs energiám Vagy türelmem?Itt nem lehet fél cs

  4. says:

    ci sono gli ebrei gli arabi gli inglesi in passato ci sono stati anche i turchi Gli ebrei vengono dalla Russia dall'Ungheria dallo Yemen alcuni sono sabra Gli arabi sono nati in Palestina Gli inglesi non hanno ben chiaro perché sono lì mentre gli ebrei lo sanno benissimo e uando va bene li disprezzano uando va male diventano ter

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *